Skip to main content

Come e quando usare il CONGIUNTIVO!

Dopo aver visto le nostre video-lezioni sulla morfologia del congiuntivo presente/passato e congiuntivo imperfetto/trapassato, in questa imperdibile lezione scoprirai quando e come usare il congiuntivo in italiano!

Ancora non l’hai fatto? Resta aggiornato, seguici su YouTube, Facebook, Instagram e Twitter!  🙂

USO DEL CONGIUNTIVO

In italiano il congiuntivo può essere usato sia in frasi subordinate che in frasi principali.

 

IL CONGIUNTIVO IN FRASI SUBORDINATE (quasi sempre introdotto da «CHE» o «SE»)

In subordinate, usiamo il congiuntivo…

  • Insieme a verbi che esprimono un’opinione (credere, pensare, ritenere, supporre, immaginare, avere l’impressione che…)

        Credo che faccia molto freddo oggi!

        Pensi che questo vestito mi stia bene?

        Sara ha l’impressione che il suo fidanzato la tradisca

  • Insieme a verbi che esprimono volontà, desiderio (volere, desiderare, preferire, gradire che…)

        Vuole che io vada a casa sua stasera.

        Desidero che Marco venga a chiedermi scusa.

        Preferiamo che voi parliate di meno.

  • Insieme a verbi che esprimono speranza o paura (sperare, augurarsi, aspettarsitemere, aver paura che …)

         Spero che questo brutto periodo finisca presto.

         Francesca si augura che suo figlio si laurei in estate.

         Temo che tu abbia la febbre: scotti!

         Ho paura che non riescano a venire stasera.

  • Insieme a verbi che esprimono incertezza, dubbio, irrealtà (non essere sicuri / certi, dubitare, fingere che… + non sapere, ignorare se …)

         Non sono certa che sia la scelta migliore.

         Dubiti che io ne sia capace?

         Non sappiamo se stiano scherzando o siano seri.

  • Insieme a verbi che esprimono stati d’animo (essere felice, essere contento, far piacere, essere dispiaciuto, rallegrarsi che …)

        Sono felice che tu sia qui.

        Mi fa piacere che tu sia qui.

        Mi dispiace che lui non abbia avuto il coraggio di parlare.

 

MA!

1) Se il soggetto della frase principale e il soggetto della frase dipendente sono uguali, allora non utilizziamo il congiuntivo ma l’infinito (preceduto da «di»)!

(io) Spero che tu raggiunga i tuoi obiettivi → (io) Spero di raggiungere i miei obiettivi.

(voi) Credete che lui sia il migliore → (voi) Credete di essere i migliori.

Lei è contenta che voi siate venuti → Lei è contenta di essere venuta.

2) Il verbo «sapere» alla forma affermativa non esprime incertezza, bensì certezza! Quindi non richiede il verbo al congiuntivo, ma all’ indicativo.

Non so se lei sia la persona giusta per quel ruolo MA So che lei è la persona giusta per quel ruolo.

Non sanno se lui abbia ragione MA Sanno che lui ha ragione.

 

IL CONGIUNTIVO IN FORME IMPERSONALI

  • Con verbi impersonali come bisogna, occorre, vale la pena, può darsi, si dice, pare, sembra che

        Occorre che tu ti faccia vedere da un medico per quella ferita.

        Si dice che siate diventati ricchi!

  • Con espressioni formate da verbo «essere» + aggettivo/avverbio: è importante, giusto, strano, incredibile, male, bene che

         È bene che tu venga qui subito.

         È giusto che tutti paghino per i loro errori.

  • Con espressioni formate da verbo «essere» + articolo e nome : è un peccato, un’assurdità, uno scandalo che

         È un peccato che Paolo debba partire proprio ora.

 

INOLTRE SI USA IL CONGIUNTIVO CON…

  • Congiunzioni come benché, sebbene, nonostante, malgrado, purché, affinché, senza che, come se, prima che, per quanto, a condizione che, nel caso in cui

        Nonostante sia giovane, lei non ama andare in discoteca.

        Puoi uscire a condizione che tu finisca prima i compiti.

        Parla come se stesse ridendo.

  • Chiunque, comunque, ovunque, qualsiasi, qualunque

        Chiunque dica che non è vero mente!

        Qualsiasi cosa tu faccia, sarà un successo!

  • Espressioni come «il più/meno…che», «più/meno … di quanto»

         È la cosa più bella che mi potesse capitare!

  • Domande indirette

         Mi hanno chiesto se tu fossi mia sorella.

  • Dopo un pronome relativo quando la cosa o la persona di cui si parla non sono specificate.

         Cerca un uomo che la faccia sentire una principessa.

         Quell’ azienda assume solo gente che sia esperta. 

  • Periodo ipotetico di 2° e 3° tipo (introdotto da «se»)

        Se fossi ricca, comprerei una villa a Cannes.

        Se fossi stato sveglio, avresti sentito il campanello.

 

IL CONGIUNTIVO IN FRASI PRINCIPALI

  • Per esprimere una possibilità o un dubbio

         Che sia questa la fidanzata di Luca? → è possibile

         Che stia mentendo a tutti noi? → ho un dubbio

  • Per esprimere un augurio

         Possiate essere sempre felici come oggi!

  • Per esprimere un desiderio (spesso introdotto da «magari»)

         Mi andasse tutto bene per una volta!

         Magari smettesse di nevicare!

  • Per esprimere un’esortazione, un invito, un ordine, una concessione (al posto dell’imperativo per la 3 persona singolare, plurale e di cortesia)

         Non si preoccupi, risolviamo subito il suo problema → esortazione

         Vengano qui e lo dicano a me di persona che mi odiano → invito

         Vada via di qui! ordine

         Si arrabbi pure, continuo ad avere ragione io → concessione

  • Per esprimere una sorpresa, seguita da esclamazione

          Sapessi quanta strada ho fatto per trovarti!

 

Scopri quando NON usare il congiuntivo con la nostra video-lezione: clicca qui!

Impara a concordare i tempi del congiuntivo (e dell’indicativo) rispetto a quelli della principale con la nostra lezione sulla consecutio temporum: la trovi qui!

Vediamo se hai appreso i contenuti di questa lezione! Prova a fare gli esercizi!

Credo che l'italiano una lingua stupenda! (essere - congiuntivo presente)
Vuole che i figli una lingua straniera! (imparare - congiuntivo presente)
Spero che il mio ragazzo mi ! (amare - congiuntivo presente)
Non ero sicuro che Giada la verità! (sapere - congiuntivo imperfetto)
Ero felice che mia figlia l'esame! (passato - congiuntivo trapassato)
Non so se Rocco ragione o meno! (avere - congiuntivo presente)
È importante che tu sempre quello che pensi! (dire - congiuntivo presente)
È un vero peccato che loro non birra: è buonissima! (bere - congiuntivo presente)
Sebbene lei a Roma molte volte, non aveva mai visitato il Colosseo! (andare - congiuntivo trapassato)
Se io a Berlino, berrei sempre birra tedesca! (vivere - congiuntivo imperfetto)
Se loro una macchina nuova, l'avrebbero comprata! (volere - congiuntivo trapassato)
Magari mio marito l'inglese: potremmo viaggiare sempre e Londra! (capire - congiuntivo imperfetto)

8 thoughts to “Come e quando usare il CONGIUNTIVO!”

  1. Buongiorno. Vorrei avere un chiarimento. E’ corretta la frase : lei chiede come le ragazze abbiano formato il gruppo? Oppure : lei chiede come le ragazze hanno formato il gruppo?
    Quindi hanno o abbiano? Grazie

    1. Ciao Paola! Per quanto riguarda l’uso dell’indicativo o del congiuntivo nelle interrogative indirette, la scelta è, nella maggior parte dei casi, svincolata da ragioni grammaticali, contestuali e di registro, ma determinata dalla libera volontà di colui che parla o scrive (per una volta la lingua italiana non ci impone nessuna regola! ?). Non esitare a scriverci se hai ulteriori dubbi!

  2. Mi piaciono un sacco le vostre lezioni. Pian piano ne riesco anche ad imparargli. Ho imparato anche i tutti quatro tempi del congiuntivo. L’uso però mi fa quasi impazzire. Mia madrelingua non conosce questo modo verbale ed io, pur troppo non parlo nesuna lingua romana. Esiste un modo, forse consiglio per un successo?
    Dovrei fare molti esercizzi? Li farei volentieri, ma dove li trovo? Quelli in fondo della lezione o fatto e rifatto più di una volta. Ne conosco tutte risposte a memoria
    Scusate per il mio italiano….. sto studiando….
    Grazie mille per la risposta e tanti cordiali saluti.
    Valerija

    1. Ciao ?? Grazie per averci contattato! Purtroppo ci vuole molta pazienza per digerire il congiuntivo… ma non ti stressare troppo, col tempo riuscirai a usarlo perfettamente! Continua ad ascoltare più italiano possibile e parlarlo più spesso che puoi… vedrai che i risultati arrivano! ?

  3. Buon giorno. Vorrei chiarire un dubbio. Nella frase principale ” Mi andasse tutto bene per prima volta ” perche’ viene ( venga ? ) utilizzato il congiuntivo imperfetto invece di congiuntivo presente ? Si potrebbe anche dire ” che mi vada tutto bene per prima volta ? Uguale con l’esempio di nevicata

    1. Ciao Irena, grazie per averci scritto!

      La frase “mi andasse tutto bene per una volta” può indicare che qualcosa è già andata male e te ne stai lamentando.

      La frase “mi vada tutto bene per una volta”, invece, può indicare un augurio o un desiderio per il futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.