Come si festeggia Halloween in Italia: usanze e costumi !

Pipistrelli, ragni, zucche e fantasmi… Brr, che paura! La festa di Halloween è mostruosa ma anche molto divertente! In questa video-lezione, scoprirai come festeggiano gli italiani e imparerai sicuramente molte nuove parole! Non perderla!  🙂

Ancora non l’hai fatto? Resta aggiornato, seguici su YouTube, Facebook, Instagram e Twitter!  🙂

 HALLOWEEN IN ITALIA

Vediamo subito insieme alcune cosette e paroline che (forse) non sai su questa festa!

1. I colori tipici di Halloween sono ARANCIONE e NERO. Ma sai perché? Il primo è il colore della forza, oltre a essere un tipico colore dell’autunno. Il secondo, invece, indica la notte e la morte, elementi centrali ad Halloween!

Ripassa i colori (e l’abbigliamento) in italiano con il nostro divertentissimo video!

2. Nella tradizione americana, durante la vigilia di Halloween, si può anche scoprire quanto tempo si vivrà: basta sbucciare una mela! Quanto più lunga sarà la striscia di buccia che riusciremo a tagliare senza interromperci, tanto più lunga sarà la nostra vita.

3. Per quanto riguarda l’Italia, qui i bambini che vanno di casa in casa chiedendo dolci e caramelle non usano l’espressione inglese “Trick or Treat”, ma la formula tutta italiana “Dolcetto o Scherzetto?”. Facci sapere come si dice nel tuo Paese: siamo curiosi!

4. Gli elementi tipici di Halloween sono:

LA STREGA → La strega è un elemento essenziale di questa festa perché, secondo la leggenda, le streghe compiono i loro raduni durante la notte di Halloween, con tanto di falò, ragni, ragnatele e pipistrelli! Secondo la tradizione, inoltre, se durante questa notte si indossano i vesti al rovescio e si cammina all’indietro, si vedrà una strega. Vuoi provarci?

IL FANTASMA → Questa figura sembra avere un ruolo centrale soprattutto in Cina. In alcune città cinesi tipo Hong Kong, Halloween è noto come Yue La, ovvero Festa dei Morti. Sembrerebbe che, durante la notte del 31 ottobre, i cinesi accendano fuochi e offrano doni e cibo per placare la fame dei fantasmi, che altrimenti potrebbero accanirsi contro i vivi! Un appello a tutti gli amici cinesi: se ci siete, ce lo conformereste nei commenti?

LA ZUCCA → Questo ortaggio non è sempre stato associato ad Halloween. In origine, infatti, la festa era celebrata in Irlanda e associata alla rapa, grazie alla leggenda di un certo Jack o’ LanternQuesti,l quale, dopo aver ingannato il diavolo, fu condannato a vagare per sempre nel buio con il solo ausilio di alcuni tizzoni ardenti, messi in una rapa intagliata. Quando questa leggenda ha superato l’oceano insieme agli irlandesi, la rapa è diventata una zucca, più facile da reperire nel Nuovo Continente e più semplice da intagliare. Oggi, Jack o’ Lantern continua a vagare ogni anno la notte del 31 con la sua lanterna, ma se voi avete una zucca intagliata fuori dalla porta, lui sa che lì non c’è posto per lui e va via.

In Italia questa festa non è molto sentita, sebbene negli ultimi anni sia diventata sempre più popolare. Non mancano però le decorazioni con zucche e scheletri, qualche evento a tema e i bambini gironzolando di porta in porta chiedendo “Dolcetto o Scherzetto?”.

Nel tuo Paese, invece, questa è festa è molto popolare?

A noi di LearnAmo questa festa non dispiace, pertanto ti suggeriamo una ricetta da provare il giorno di Halloween!

CIAMBELLA ALLA ZUCCA

Ingredienti

  • 250 grammi di zucca
  • 250 grammi di farina
  • 150 grammi di zucchero
  • 70 grammi di burro
  • uovo
  • bicchiere di latte
  • 1 bustina di lievito
  • vanillina
  • zucchero a velo

Preparazione

  1. Mescola insieme in una ciotola l’uovo e lo zucchero, poi aggiungi il burro ammorbidito, il lievito, la farina, il latte e la vanillina.
  2. Pulisci la zucca e tagliala a pezzetti, poi falla lessare in una pentola con poca acqua. Falla freddare, poi schiacciala utilizzando una forchetta.
  3. Versa la zucca nell’impasto mescolando con energia, fino a quando non otterrai un composto omogeneo.
  4. Imburra una tortiera circolare e versa il composto al suo interno. Fai cuocere in forno a 180 gradi per circa 30 minuti.
  5. Quando la torta sarà cotta (fai la prova dello stuzzicadenti!) falla raffreddare e spolverizzala con abbondante zucchero a velo.

Buon appetito!

Non conosci l’imperativo? Non sai cosa sia la prova dello stuzzicadenti? Guarda la nostra fantastica video-lezione dedicata all’imperativo! C’è un’altra ricetta per te!

Preferisci studiare il congiuntivo? Allora dai un’occhiata al nostro corso completo sul congiuntivo!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.