Le 27 Parole Italiane più Usate in ASSOLUTO! – Impara Come Parlare in Italia!

In questa lezione, vi parleremo delle 27 parole italiane che, secondo alcuni studi e ricerche, formano circa il 50% dei testi e discorsi di ogni italiano e che, quindi, sono utilizzate nella maggior parte dei contesti e  situazioni! Le suddivideremo in 3 categorie principali: sostantivi, aggettivi e verbi.

Ancora non l’hai fatto? Resta aggiornato, seguici su YouTubeFacebookInstagram e Twitter!

Le parole più utilizzate in Italiano

 

Iniziamo con i sostantivi:

1) cosa:  gli italiani usano questa parola  per riferirsi praticamente a qualsiasi oggetto o concetto!

Esempio: “Passami la cosa sul coso” (quando chiediamo a qualcuno di passarci un oggetto che si trova su un ripiano). (Potete trovare la t-shirt con questa frase sul nostro negozio on-line LearnAmo Collection, assieme a tanti altri fantastici prodotti)

 

2) uomo: questo sostantivo, come sappiamo, si riferisce agli individui di genere maschile, ma può anche essere usato per riferirsi all’intera umanità.

Esempio: “L’uomo è capace di compiere meraviglie e orrori” (non ci riferiamo a un uomo in particolare, ma alla razza umana nel suo insieme)

 

3) giorno: questa parola può riferirsi a una data o evento

Esempio: “Il giorno del matrimonio di mia cugina indossavo un vestito nero”.

Può anche essere usata per riferirsi alla mattina

Esempio: “Vado al cinema di giorno”.

Infine può essere usata come abbreviazione di “buongiorno”.

Esempio: ” ‘Giorno!

 

4) modo: si usa per chiedere la maniera in cui avviene qualcosa.

Esempio: “il nostro modo di spiegare l’italiano è piuttosto originale”.

 

5) paese: questo sostantivo è molto usato perché in italiano ha due significati ben distinti.

Un paese con la “p” minuscola si riferisce di solito a un medio-piccolo centro urbano

Esempio: “Devi portare la lettera in paese

Con la “P” maiuscola, invece, si riferisce di solito a uno Stato.

Esempio: “L’Italia è il Paese che amo

 

6) signore: anche questa parola ha vari significati.

Innanzitutto è usata come forma di rispetto per indicare qualsiasi uomo di una certa età, dai 30/35 anni in su.

Esempio: “Quel signore è molto alto

Può essere anche usata per riferirsi a un uomo di gran prestigio sociale e/o economico.

Esempio: “I suoi studi nel Regno Unito gli hanno permesso di fare una fortuna e diventare un vero signore”.

L’ ultimo significato, contraddistinto da una “S” maiuscola, è quello di “Dio”.

Esempio: “il prete ha salutato i fedeli dicendo: <Che il Signore sia con voi>“.

 

7) ora: si riferisce principalmente al tempo

Esempio: “Che ora è? Sono le 4:30”.

Può significare anche: “adesso”, “in questo momento”.

Esempio: “Ora passiamo al sostantivo numero 8”.

 

8) casa: questa parola può essere è utilizzata per indicare una “casa” come struttura e dimora fissa.

Esempio: “Ho comprato una casa nuova

Può essere inteso anche come luogo accogliente e sicuro

Esempio: “YouTube è la mia casa

 

9) parte:  questo sostantivo si può riferire a un “luogo”.

Esempio: “Non riesco a trovare il mio cellulare da nessuna parte”.

Ma può anche indicare una porzione di qualcosa.

Esempio: “Ho ricevuto una parte dell’eredità di mia zia”.

 

Passiamo, ora agli aggettivi più comuni:

1) quello

2) questo

3) mio

4) suo

5) nostro

6) grande

7) piccolo

8) stesso

9) tanto

 

Vediamo, infine, i verbi più utilizzati:

1) essere / 2) avere (questi due sono i più utilizzati in quanto ausiliari)

3) dire

4) potere / 5) volere / 6) dovere (i modali)

7) vedere

8) andare

9) mangiare (il verbo preferito dagli Italiani)

 

Bene, queste erano le parole Italiane più comuni, fateci sapere qual è la parola che VOI usate di più e se è tra quelle che abbiamo elencato. Inoltre vi consigliamo di dare un’occhiata al nostro video sui 9 scioglilingua più difficili da pronunciare in Italiano per mettere alla prova la vostra pronuncia, non perdetevelo!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.