9 Trucchi Per Parlare come un MADRELINGUA ITALIANO!

In questo articolo vi darò 9 trucchi per parlare italiano come un vero madrelingua e smetterla di sembrare stranieri! Sono trucchi che gli italiani usano in maniera naturale ogni giorno durante le loro conversazioni!

Ancora non l’hai fatto? Resta aggiornato, seguici su YouTubeFacebookInstagram e Twitter!

Impara a Parlare Italiano come un Madrelingua

Il primo trucco è:

1 – Dare risposte all’italiana

Sicuramente ve ne sarete già accorti inconsapevolmente, ci sono alcune piccole risposte che gli italiani usano in maniera quasi automatica, senza pensarci più di tanto, in qualsiasi contesto. Ecco qui di seguito qualche esempio: “Ah sì?”, “Davvero?”, “Ma va?”, “Sul serio?”, “Seriamente?”.

Usarle è molto semplice:

Rocco: “Ho vinto il SuperEnalotto!”

Graziana: “Ah sì?”

Rocco: “1 MILIONE DI EURO!”

Graziana: “Davvero?”

Rocco: “Non ci posso credere!”

Graziana: “Ma va?”

 

Trucco numero due:

2 – Dire SE al posto di SÌ

Questo trucchetto vi potrà sembrare un po’ strano, ma dovete sapere che molto spesso, specialmente in contesti informali, gli italiani usano SE invece di SÌ per dare una risposta affermativa a una domanda.

Graziana: “Hey, hai preso tu i miei auricolari?”

Rocco: “Se, li ho presi io!”

 

Trucco numero tre:

3 – Apostrofo con pronomi MI, TI, LO, LA, CI, VI

Ancora una volta in contesti informali, quando l’unica cosa che conta è trasmettere il messaggio nel minor tempo possibile, senza dar troppa importanza alla forma, gli italiani tendono a non pronunciare la vocale finale dei pronomi MI, TI, LO, LA, CI, VI quando questi precedono una parola che inizia per H o VOCALE.

Con LO e LA  è la norma, potremmo dire, ma, a mio avviso, farlo anche con gli altri pronomi in contesti formali non è consigliato.

Ecco alcuni esempi:

Graziana: “Sai chi m’ha chiamato prima?”

Rocco: “La tipa che t’ha derubato la borsa?”

Graziana: “No! Il poliziotto che c’aiutati a sporgere denuncia!”

Rocco: “Meno male che l’abbiamo visto!”

 

Trucchetto numero quattro:

4 – Usare CEH

Ad essere onesta, non sono sicura di come si scriva questa parolina, perché si usa solo nel linguaggio orale o parlato e non è riportata nei dizionari.

In ogni caso, CEH è una parola usata per chiarire o riformulare quello che abbiamo detto. Inoltre, sono abbastanza convinta che sia un’abbreviazione sviluppatasi a partire dalla parola CIOÈ.

Vediamo alcuni esempi:

Rocco: “Non penso che licenziarsi fosse una buona scelta… Ceh, capisco che fosse infelice, ma ora come farà a mantenere la sua famiglia?”

Graziana: “Non sono d’accordo con te… Ceh, non è che quello che tu abbia detto sia sbagliato, però credo che una persona debba prima di tutto essere felice con se stessa.”

 

Trucco numero cinque:

5 – Usare “DICIAMO” come intercalare

Gli italiani, soprattutto per guadagnare tempo o per essere vaghi, inseriscono, in quasi ogni frase, la parola DICIAMO. Non è una bella abitudine e, se esagerate, potrebbe persino dare fastidio o suonare ridicolo. Però, se usato nella giusta misura, vi darà quel tocco più naturale che state cercando!

Ecco un esempio:

Rocco: “Che ne pensi se, diciamo, aprissimo un altro canale nel quale giochiamo ai videogiochi?”

Graziana: “Ecco, diciamo… non è proprio il genere di cose che piace a me…”

 

Trucco numero sei:

6 – Usare “ECCO” al posto di “CAPISCO”

Molto, ma molto, di frequente, gli italiani, invece di dire “ho capito” oppure “capisco”, dicono “ecco”.

Vi propongo un esempio per farvi capire come va usato:

Graziana: “Perché non sei uscito con la macchina?”

Rocco: “Perché si è rotta la marmitta!”

Graziana: “Ah ecco!”

 

Trucco numero sette:

7 – Iscriversi a “Italiano in Contesto”

È il corso di italiano che abbiamo realizzato noi di LearnAmo per dare a migliaia di persone nel mondo, volenterose di apprendere l’italiano, la possibilità di farlo come se fossero in Italia!

“Italiano in Contesto” è l’unico video-corso di italiano interamente contestualizzato che vi permetterà di apprendere una miriade di vocaboli, espressioni e situazioni che, solo stando in Italia, si potrebbero apprendere!

Oltre a essere sottotitolato in italiano e in inglese, “Italiano in Contesto” prevede una serie di esercizi automatici e la possibilità di commentare scrivendo i vostri dubbi o le vostre domande e ricevere risposta direttamente da me nel giro di pochi minuti!

Infine, se siete interessati a iscrivervi al corso “Italiano in Contesto”, vi ricordo che usando il codice coupon “VoglioParlare” otterrete il 37% di sconto al momento della registrazione! Cosa state aspettando?

 

Trucco numero otto:

8 – Usare le espressioni idiomatiche

Non si può mai pensare di poter parlare italiano come un vero madrelingua senza usare espressioni idiomatiche!

Non temete, so che può sembrare un’impresa impossibile, ma ho pensato a tutto: ho creato insieme al mio ragazzo una lista con centinaia di espressioni idiomatiche, quindi cercate di impararne quante più potete!

 

L’ultimo trucco, nonché il più importante è:

9 – Fare domande retoriche

Questo è un potente dispositivo retorico che ci permette di costruire affermazioni sotto forma di domande. In altre parole, una domanda retorica si presenta a tutti gli effetti come una domanda per la quale, però, non necessitiamo di alcuna risposta!

Vediamo alcuni esempi!

Rocco: “Prima sei andata al supermercato, no? Perché non hai comprato la Nutella?”

Graziana: “Non credi che la Nutella faccia ingrassare? Dovresti metterti a dieta, sai?

Rocco: “Non pensi di essere un po’ troppo ossessionata con questa storia della dieta? Quello che conta è essere belli dentro, no?

Le parole ed espressioni in rosso potete usarle per costruire domande retoriche come nell’esempio.

 

Ora che conosci i 9 trucchi per parlare italiano fluentemente, non dimenticare di iscriverti al nostro corso Italiano in Contesto! Usando il codice coupon VoglioStudiare otterrai il 37% di sconto!

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.