Skip to main content

Pronomi personali: soggetto e riflessivi (mi, ti, si, ci, vi…)

Mi, ti, si, ci, vi, si… ma cosa diavolo sono? Scopri come usare e cosa sono i pronomi riflessivi, e quelli soggetto, con questa nuova video-lezione!

Ancora non l’hai fatto? Resta aggiornato, seguici su YouTube, Facebook, Instagram e Twitter!  🙂

Pronomi soggetto e riflessivi in italiano

Il PRONOME sostituisce un nome, un aggettivo, un verbo, un altro pronome o un’intera frase.

In italiano ci sono molti tipi di pronomi, ma in questa lezione ci occupiamo dei PRONOMI PERSONALI, cioè quelli che sostituiscono i nomi di cose o persone coinvolte nella comunicazione.

Ci sono 3 tipologie di pronomi personali:

  • pronomi soggetto
  • pronomi riflessivi
  • pronomi complemento 

 

Affrontiamo ora i pronomi soggetto e i pronomi riflessivi.

Ai pronomi complemento, un po’ più complessi, abbiamo preferito dedicare loro una lezione a parte. 

 

Pronomi soggetto

I pronomi soggetto indicano chi compie l’azione e, in italiano, sono:

IO 

TU

EGLI, ELLA (per persone) / ESSO, ESSA (per cose)

NOI

VOI

ESSI, ESSE

1) In realtà in italiano utilizziamo poco i pronomi personali soggetto, dal momento che generalmente il verbo ha desinenze diverse a seconda del soggetto che compie l’azione, quindi non ci serve specificarlo.

Per esempio:

Siamo andati a Roma perché volevamo vedere il Colosseo.

È questa sicuramente la forma più naturale per parlare in italiano come gli italiani: non ci serve aggiungere “noi siamo andati”, “noi volevamo vedere”, poiché il suffisso -amo indica solo la prima persona plurale e nessun’altra.

2) Utilizziamo i pronomi personali soggetto solo in alcuni casi specifici, come per esempio:

  • per dare enfasi al soggetto, sottolinearne l’identità → Poi abbiamo visto Piazza Navona ma io volevo vedere Piazza San Pietro (sottolineo che IO volevo andare altrove).
  • per evitare equivoci o malintesi, in quei pochi casi in cui i verbi sono uguali per più persone (per esempio il congiuntivo presente: Penso che tu abbia ragione → “che io / tu / lui / lei abbia”, pertanto abbiamo bisogno di specificare di quale persona stiamo parlando).

3) Pronomi personali soggetto come “egli, ella, esso, essa, essi, esse” sono ormai utilizzati soltanto nelle grammatiche o in testi estremamente formali. Nella comunicazione quotidiana, invece, si tende a preferire i pronomi “lui, lei, loro” come soggetti (per esempio: “Lui è francese, mentre lei è inglese“).

4) In italiano il pronome di cortesia è “lei“, utilizzato sia per uomini che per donne (con uomini, ovviamente, lo si accorda al maschile) con il verbo coniugato alla terza persona singolare (Per esempio: Sono felice che lei si sia trovato bene con noi. / Sono felice che lei sia trovata bene con noi).

 

 

Pronomi riflessivi 

MI

TI

SI

CI

VI

SI

I pronomi riflessivi sono utilizzati nelle coniugazioni dei verbi quando la persona che compie l’azione e quella che la subisce coincidono. La forma del verbo, pertanto, diventa riflessiva:

alzare (forma base) → alzarsi (forma riflessiva)

Per esempio:

Io alzo la mano (io = soggetto che compie l’azione / la mano = oggetto che subisce l’azione → sono diversi, quindi la forma non è riflessiva)

Io mi alzo dal divano (io = soggetto che compie l’azione / io stesso = oggetto che subisce l’azione –> sono uguali, quindi la forma è riflessiva e utilizziamo il pronome riflessivo davanti al verbo, accordato col soggetto)

 

incontrare (forma base) → incontrarsi (forma riflessiva)

Per esempio:

Tu incontri Marco (tu = soggetto che compie l’azione / Marco = oggetto che subisce l’azione → sono diversi, quindi la forma non è riflessiva)

Noi ci incontriamo vicino al bar (noi = soggetto che compie l’azione / noi stessi = oggetto che subisce l’azione → sono uguali, quindi la forma è riflessiva e utilizziamo il pronome riflessivo davanti al verbo, accordato col soggetto)

 

MA!

In italiano ci sono dei verbi che hanno solo la forma riflessiva (quindi non possono essere usati senza i pronomi riflessivi)!! 

I verbi italiani che hanno solo forma riflessiva sono:

pentirsi

vergognarsi

arrabbiarsi

ribellarsi

arrendersi

impadronirsi

imbattersi

suicidarsi

 

Questi si coniugano come i verbi riflessivi che abbiamo visto prima (pronome riflessivo + verbo):

Mi pento di averlo conosciuto.

Si vergogna di mostrarsi debole. 

Ci siamo* arresi davanti all’evidenza.

Si è* suicidato con una corda. 

*N.B. Per formare i tempi composti dei verbi in forma riflessiva si utilizza sempre il verbo “essere“. 

 

Si noti invece che al modo infinito, al modo imperativo e al modo gerundio i pronomi seguono sempre il verbo, formando con lui un’unica parola! Con l’infinito, il pronome usato è sempresi“.

Esempi:

Vergognati!

È una persona molto calma: per arrabbiarsi ci deve essere qualcosa di molto grave.

Non bisogna mai arrendersi. 

Ora, impara i pronomi relativi!

Vediamo se hai appreso i contenuti di questa lezione! Prova a fare gli esercizi!

Sono andati tutti al cinema, ma ____ non volevo andare!
____ è il nuovo direttore, vero? Piacere di conoscerla!
____ sono addormentato tardi ieri notte
Mio figlio ____ pente di aver lasciato la sua ex fidanzata!
Volevo mangiare a casa, ma ____ hanno preferito mangiare fuori!
Ok, allora ____ vediamo domani!
Non ____ rendete conto che state sbagliando tutto?!
Appena ____ sono alzato dalla sedia, sono caduto!
Non ___ vergogni di quello che hai fatto?!
Graziana ____ la sua miglior amica al telefono.
____ Graziana!
Noi ____ alle 7 di mattina
Mia madre ____ mia sorella e mio fratello

One thought to “Pronomi personali: soggetto e riflessivi (mi, ti, si, ci, vi…)”

  1. CiAo,, è molto utile questo video
    ho un dubbio
    Il verbo picchiarsi ,, questo verbo solo la forma riflessivo ?
    O esiste nella forma base ?
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.