Evita di dire “SONO STANCO”: migliora il tuo lessico italiano con le alternative!

Quante volte ci è capitato di dire “sono stanca” o “sono stanco”? Se si usa spesso questa espressione, il rischio è quello di risultare banali e ripetitivi. Quindi, in questa lezione vogliamo mostrarvi alcune alternative che arricchiranno il vostro vocabolario e vi aiuteranno a sembrare più naturali quando parlate italiano.


Ancora non l’hai fatto? Resta aggiornato, seguici su YouTube, Facebook, Instagram e Twitter!

Tutti i modi per dire “SONO STANCO/A”

“Sono stanco/a” è un’espressione piuttosto versatile, che può assumere almeno due diversi significati a seconda del tipo di situazione in cui ci troviamo.

1)  Ad esempio, possiamo usarla quando siamo stanchi di una situazione o di fare qualcosa in particolare:

“Nonna, è la quinta volta che ti dico cosa ho mangiato oggi. Sono stanca di ripeterlo!”

oppure:

“Rocco ha detto che sarebbe arrivato alle 5 in punto, ed è già in ritardo di mezz’ora. Sono stanca di aspettare!”

In questi casi, l’espressione “sono stanco” può essere sostituita da:

– “sono stufo/a (di)”;
– “non ne posso più (di)”;
– “mi sono proprio stancato/a (di)”;
– “ne ho abbastanza (di)”;
– “ne ho piene le scatole (di)”, un’alternativa un po’ più volgare è “ne ho le palle piene”.

Ad esempio, potremmo dire:

– “Non ne posso più di ascoltarti, mi sono proprio stancata!”

– “Sono stufa di ascoltarti, ne ho piene le scatole!”

– “Ti prego, smettila di parlare, ne ho abbastanza!”

 

2) L’altro possibile significato dell’espressione “sono stanco” è quello più concreto e letterale che indica che siamo fisicamente o mentalmente esausti, quando abbiamo fatto molta fatica oppure quando abbiamo molto sonno.

♦ In caso di stanchezza fisica, si può dire:

– “sono distrutto/a”;
– “sono a pezzi”;
– “sono esausto/a”;
– “sono stremato/a”;
– “sono stravolto/a”;
– “non mi reggo in piedi”;
– “mi sento un rottame”.

Ad esempio, potremmo dire:

– “Oggi ho lavorato tutto il giorno. Sono esausta.”

– “Ho dipinto tutta la casa. Sono stravolta.”

– “Dopo aver sollevato tutti quei pesi, sono distrutto!”

 

♦ In caso di stanchezza mentale, che in realtà si differenzia di poco dalla stanchezza fisica, l’alternativa più usata è “ho sonno/sto morendo di sonno”, ma si può dire anche “non vedo l’ora di andare a dormire/riposarmi”.

Ad esempio: “Sono sveglia da stamattina alle 6. Sono stanchissima. Non vedo l’ora di andare a dormire!”

 

Vediamo un esempio di dialogo:

G: “Ciao Rocco, come stai?”

R: “Ciao Graziana, insomma… Sono stanchissimo!”

G: “Come mai?”

R: “Oggi sono andato in palestra, ho sollevato tanti pesi e adesso sono stremato. Non vedo l’ora di andare a dormire.”

G: “Ti capisco, stamattina mi sono svegliata presto per andare a lavorare e ora sono a pezzi. Ho un sonno allucinante!”

 

Bene, ora che conoscete tutte le alternative all’espressione “sono stanco”, perché non date un’occhiata alla lezione su tutte le espressioni italiane per esprimere entusiasmo?

Se invece vuoi comprare la maglietta che indossa Graziana, la trovi nel nostro negozio online: LearnAmo Collection!

2 thoughts to “Evita di dire “SONO STANCO”: migliora il tuo lessico italiano con le alternative!”

  1. Io uso anche l’espressione “sono stressato/a di”, per indicare uno stato di stanchezza fisica, mentale, ecc. Lo stress fisico, mentale, ecc. è una condizione che deriva dalla mancanza del sale minerale di magnesio nel nostro corpo oppure dalla sua diminuzione a causa delle intense attività quotidiane che dobbiamo svolgere ogni giorno. In questo caso, nulla di meglio che una buona tazza di latte per tirarci su e poi un’altra cosa che nessuno sa è proprio il fatto che una bella tazza di latte tiepido alla sera, aiuta a conciliare il sonno notturno e sostituisce un pasto importante come la cena. Attenzione però: le bibite vegetali di riso, soia, ecc. non sono equiparabili al latte: infatti il latte di cui si parla qua è solo quello di origine animale e basta. Se poi siamo così stanchi da non poterne più di andare a riposare, possiamo anche dire: “Non vedo l’ora di cadere tra le braccia di Morfeo”: Morfeo era per gli antichi greci e romani, il dio del riposo notturno……

    Oltre al latte, merita una citazione anche l’alimentazione della persona, che deve essere il più possibile varia e deve comprendere sempre frutta e verdura abbondante, oltre a tutte le altre cose come i cereali integrali, ma anche il pane e la pasta integrale, che contengono fibra alimentare e poi i legumi (pisellini, ceci, lenticchie, ecc.) sono da considerare un’alternativa al secondo piatto e non un contorno……

    Buona settimana a tutti i miei amici di Learnamo e un saluto speciale a Graziana e Rocco che sono due professionisti nel mondo della comunicazione, in tutti i sensi!!!

Rispondi