Tutte le espressioni con NE che gli ITALIANI usano quotidianamente

In questa lezione parleremo di un argomento che spesso viene percepito come ostico da chi sta imparando l’italiano. Parleremo infatti delle tantissime espressioni che gli italiani usano quotidianamente con la particella NE. Ve le presenterò sempre affiancate da definizioni ed esempi, in modo da essere quanto più chiara possibile.

Facebook logo Instagram logo Twitter logo YouTube logo TikTok Logo Pinterest logo

Le espressioni con NE più usate in Italiano

 

ANDARSENE A SPASSO / A ZONZO / IN GIRO

Questa espressione ha varie alternative, tutte con lo stesso significato: indicano tutte l’azione di passeggiare per piacere, per rilassarsi o passare il tempo.

Per esempio:

Se te ne vai sempre a zonzo, non concludi mai niente e lavori male.

-Dopo il pranzo, se n’è andato a spasso e non ci ha nemmeno chiesto se ci servisse una mano. Che maleducato!

 

FARSENE

Questo ha il significato di “servire, “essere utile”, ma è usato soprattutto per indicare che qualcosa è inutile o non serve a nulla.

Per esempio, la domanda Che me ne faccio?” (o “Che te ne fai?”, “Che se ne fa?” e così via) è una domanda retorica per dire “non è una cosa che mi serve”, “non ho intenzione di utilizzarlo”.

Altre frasi comuni con questo verbo sono “Non me ne faccio niente”,Non so che farmene”, le quali assumono il significato di “non so come usarlo”, “per me è inutile”.

Ecco alcuni esempi con più contesto:

-Mia zia mi ha regalato un tiragraffi. Cosa me ne faccio? Non ho neanche un gatto!

-Ho deciso di vendere la mia tv. Io non me ne faccio niente.

 

Da questo verbo, in ogni caso, derivano due espressioni interessanti!

La prima è FARNE A MENO (sì, ovviamente il verbo farsene è riflessivo, ma in questa espressione perde la riflessività): questa significa “rinunciare”, “privarsi di qualcosa”.

Per esempio:

-Da quando ho bevuto per la prima volta il caffè, non ne posso più fare a meno.

-So che ami le patatine fritte, ma se non ne fai a meno, non dimagrirai mai!

 

Un’altra espressione con lo stesso verbo è

FARSENE UNA RAGIONE

Questa significa “rassegnarsi”, “accettare razionalmente qualcosa di spiacevole”, “rendersi conto di come alcuni eventi negativi o dolorosi siano inevitabili”.

Per esempio:

-Io capisco che tu ora sia triste perché il tuo fidanzato ti ha lasciata, ma sono sicura che prima o poi te ne farai una ragione.

-Tutti prima o poi ci troviamo a vivere la morte di una persona cara, ma dobbiamo farcene una ragione, purtroppo.

 

FREGARSENE o FREGARNE (a qualcuno)

Il significato è “importare”, “avere importanza”, “essere rilevante”.

Vediamo alcuni esempi:

Non me ne frega niente delle tue scuse. Non ti perdonerò mai.

-Perché ti frega ancora del tuo ex? Lascialo perdere! Meriti molto di più!

È possibile rinforzare questo verbo, nella forma negativa, aggiungendo “DI MENO”.

Per esempio:

-Può chiamarmi quante volte vuole. Non me ne può fregar di meno. Non gli risponderò mai.

 

ESSERCENE PER TUTTI (I GUSTI)

Significa che di qualcosa vi è una grande quantità, sufficiente a soddisfare tutte le persone che lo desiderano.

Per esempio:

Oggi a tavola ce n’era per tutti i gusti: carne, pesce, frutta, dolci…

 

NON POTERNE PIÙ (di qualcosa)

Questa espressione significa “essere stufi, essere stanchi di qualcosa o qualcuno o di una situazione”, “non avere più la forza di continuare”.

Per esempio:

-Sono stufa delle sue continue lamentele! Non ne posso più!

Non ne posso più del mio lavoro! Ogni giorno c’è un problema e tutti se la prendono con me! Sto seriamente pensando di licenziarmi.

 

STARNE FUORI

No, non significa “stare all’aria aperta”! Significa piuttosto “rimanere all’oscuro di una vicenda”, “non esserne a conoscenza, “non essere coinvolti”.

Per esempio:

-Ti ho già detto che questa è una faccenda mia! Stanne fuori! Non ho bisogno del tuo aiuto!

-Quando ho capito che quell’uomo faceva accordi con la malavita, ho deciso di starne fuori per il bene della mia famiglia.

 

Sempre con il verbo STARE, ma in forma riflessiva, abbiamo altre tre espressioni:

STARSENE CON LE MANI IN MANO

Significa “essere fermi senza fare niente”, “non darsi da fare”, “non impegnarsi”.

Per esempio:

-Se vuoi diventare ricco, non devi startene con le mani in mano! Devi agire, produrre qualcosa! I soldi non piovono dal cielo!

Te ne stai sempre con le mani in mano! Vieni ad aiutarmi piuttosto!

 

STARSENE IN DISPARTE

Significa invece “rimanere volontariamente in un luogo appartato”, “lontano dall’azione”, generalmente da soli.

Per esempio:

-Luca è molto timido: infatti alle feste se ne sta sempre in disparte.

-Oggi verranno alcuni amici dei miei genitori, perciò dovrò starmene in disparte nella mia cameretta tutto il giorno.

 

STARSENE SULLE PROPRIE

Significa “essere riservati”, “non dare molta confidenza”, “parlare (e ridere) il minimo indispensabile”.

Per esempio:

-La fidanzata di Gianluca è proprio antipatica: se ne sta sempre sulle sue e non parla mai, anche se noi proviamo a integrarla nel gruppo.

-Non potrai mai farti nuovi amici se ogni volta che andiamo in un locale te ne stai sempre sulle tue!

 

AVERNE ABBASTANZA / AVERNE PIENE LE SCATOLE / AVERNE FIN SOPRA I CAPELLI

Tutte queste espressioni indicano “essere stufi”, “stanchi di qualcosa o qualcuno”, “non sopportare più una situazione”.

Ecco alcuni esempi:

-Ne ho abbastanza delle tue bugie. Ne ho fin sopra i capelli!

Ne ho piene le scatole dei vicini che fanno sempre rumore!

 

DIRNE DI TUTTI I COLORI / DIRNE DI COTTE E DI CRUDE (a qualcuno)

Queste significano semplicemente “dire ogni sorta, ogni tipo di cose (generalmente negative) a qualcuno”, perché si è arrabbiati con questa persona o perché questa persona ha commesso un errore.

Per esempio:

-Oggi sono arrivata in ritardo al lavoro e il capo mi ha rimproverato. Me ne ha dette di tutti i colori!

-Quando si arrabbia, ne dice di cotte e di crude a chiunque gli sia intorno. Lo trovo un atteggiamento molto immaturo.

 

SAPERNE UNA PIÙ DEL DIAVOLO

Si dice di chi è molto astuto, ha sempre una soluzione pronta e trova sempre un modo per averla vinta.

Per esempio:

-Luigi, pur venendo dal nulla, è riuscito a farsi una bella posizione perché ne sa una più del diavolo e ha creato un’ottima rete di conoscenze.

 

COMBINARNE DI TUTTI I COLORI

Significa “fare tanti guai”.

Per esempio:

Paola ha punito suo figlio perché durante la festa ne ha combinate di tutti i colori.

 

VALERNE LA PENA

Significa che “c’è un motivo decisamente valido da giustificare l’azione, ma soprattutto l’impegno e lo sforzo fatti per completarla”.

Per esempio:

-Realizzare un video da 10 minuti per YouTube richiede molto tempo e impegno, ma ne vale la pena per tutti i bellissimi commenti che ci lasciate sempre!

 

LAVARSENE LE MANI

Significa “tirarsi fuori da una situazione scomoda, evitando di prendere decisioni”.

Per esempio:

-Invece di preoccuparsi del futuro della sua azienda, il proprietario se n’è lavato le mani e ora rischia la bancarotta.

 

VENIRNE A CAPO

Questa espressione significa “capire qualcosa di complesso”, “risolvere un problema o un enigma”.

Per esempio:

-Sto provando a risolvere questo esercizio di fisica da ore, ma proprio non ne vengo a capo

 

VEDERNE DELLE BELLE

Questa espressione si dice quando ci si aspetta che una situazione sarà molto complessa oppure ricca di eventi interessanti, alcune persone combineranno dei guai o daranno spettacolo.

Per esempio:

-Domani a casa di Salvatore arriveranno i suoceri, che proprio non lo sopportano. Siamo sicuri che ne vedremo delle belle! Staranno sempre a litigare!

 

VOLERCENE / PASSARCENE

Questi verbi sono di solito usati quando si vuole esprimere l’idea che, prima che succeda qualcosa, passerà parecchio tempo, oppure ci vorranno parecchi sforzi.

Per esempio:

-Dal dire una cosa al metterla in pratica ce ne passa! Tutti siamo bravi a parlare!

Ce n’è voluto per conquistarla, ma ora siamo sposati da 30 anni e abbiamo 3 bellissimi figli.

 

Dovete sapere che vi sono anche alcune espressioni più formali con NE, che si usano spesso nello scritto o in situazioni particolarmente formali (ad esempio in ambito lavorativo)

Ne deriva che…/ Ne consegue che… (= di conseguenza, dunque). Esempio: La terra gira intorno al sole. Ne deriva che non è il centro dell’universo.

Ne prendo atto. (= riconosco la situazione, la accetto e ne tengo conto). Esempio: Questi sono tutti i provvedimenti presi nei suoi confronti. Ne prenda atto.

Ne va di… (= ci va di mezzo…). Esempio: Non posso sbagliare! Ne va della mia credibilità!

Guardarsene (bene) (= evitare di fare qualcosa, proteggersi da). Esempio: Guardatene bene da chi ti promette troppe cose.

 

Come avete visto, di espressioni con NE ce ne sono a quintali! Queste sono le più comuni, ma sono sicura che ne troverete tante tante altre. Commentate qua sotto scrivendo le vostre preferite ed aggiungendone qualcuna che non abbiamo menzionato. Se ancora non ne avete abbastanza delle espressioni italiane, non perdetevi la lezione dedicata alle espressioni idiomatiche con la particella CI, collega di NE!

Se invece volete studiare CI e NE da un punto di vista grammaticale, abbiamo dedicato due lezioni esclusivamente dedicate a come usare la particella CI e come usare la particella NE: da non perdere!

 

Vediamo se hai appreso i contenuti di questa lezione! Prova a fare gli esercizi!

 

Rispondi