Subjuntivo presente y pasado en italiano (verbos irregulares, modales, auxiliares)

¡Descubre cómo formar el tan temido subjuntivo italiano! En esta video-clase nos centramos sobre todo en la morfología del subjuntivo presente y imperfecto, sin olvidarnos, obviamente, de analizar los verbos irregulares, las varias conjugaciones, desinencias, etc…

¿Aún no lo has hecho? ¡Ponte al día, síguenos en YouTube, Facebook, Instagram y Twitter!  🙂

EL SUBJUNTIVO ITALIANO

El subjuntivo (CONGIUNTIVO) es el modo verbal de la subjetividad: nos permite expresar opiniones, dudas, estados de ánimo, deseos y todo lo que tiene relación con el mundo interior.

En italiano, este tiene 4 tiempos:  presente, passato, imperfetto y trapassato. 

EL SUBJUNTIVO PRESENTE

Ante todo, vemos el presente subjuntivo de los verbos «essere» y «avere«, fundamentales también porque actúan como auxiliares para formar los tiempos compuestos de todos los demás verbos. (Repasa cuando usar «essere» y «avere»)

ESSERE AVERE
Che io sia

Che tu sia

Che lui/lei sia

Che noi siamo

Che voi siate

Che loro siano

Che io abbia

Che tu abbia

Che lui/lei abbia

Che noi abbiamo

Che voi abbiate

Che loro abbiano

Ejemplos:

Penso che siate molto intelligenti. (Pienso que sois muy inteligentes)

Penso che tu abbia una casa splendida. (Pienso que tienes una casa estupenda) 

 

N.B. En el presente de subjuntivo:

  • se tiende (como para los otros tiempos del subjuntivo) a aprender los verbos con el «che» delante de las personas para facilitar su reconocimiento / uso (ya que en la mayoría de los casos el subjuntivo está introducido por «che»)
  • el verbo de las tres personas singulares es igual (por eso tenemos que explicitar el pronombre personal sujeto, para evitar equívocos)
  • el verbo de la primera persona plural es iguale a aquello de la primera persona plural del presente indicativo
  • el verbo de la tercera persona plural es igual a aquello de las personas singulares +no
  • primera persona plural y segunda persona plural tienden a ser similares entre ellos pero distintas de las demás

 

¿Qué pasa a los demás verbos? Solo hace falta quitarles las desinencias del infinitivo (-ARE, -ERE, -IRE) y añadir aquellas del subjuntivo presente.

Estas son las desinencias del subjuntivo presente para los varios grupos de verbos:

Verbos en -ARE Verbos en -ERE Verbos en –IRE (como «partire») Verbos en –IRE 

(como «finire»)

-i

-i

-i

iamo

iate

-ino

-a

-a

-a

iamo

iate

-ano

-a

-a

-a

iamo

iate

-ano

isca

isca

isca

iamo

iate

iscano

Ejemplo de verbo regular en -ARE:

MANGIARE

Che io mangi

Che tu mangi

Che lui/lei mangi

Che noi mangiamo

Che voi mangiate

Che loro mangino

Ejemplo:

Penso che tutti mangino la pizza perché è troppo buona. (Pienso que todos comen (en ita: subjuntivo) pizza ya que es demasiado buen)

Verbos irregulares (tanto de raíces como de desinencias) en -ARE:

ANDARE FARE STARE DARE
Che io vada

Che tu vada

Che lui/lei vada

Che noi andiamo

Che voi andiate

Che loro vadano

Che io faccia

Che tu faccia

Che lui/lei faccia

Che noi facciamo

Che voi facciate

Che loro facciano

Che io stia

Che tu stia

Che lui/lei stia

Che noi stiamo

Che voi stiate

Che loro stiano

Che io dia

Che tu dia

Che lui/lei dia

Che noi diamo

Che voi diate

Che loro diano

Ejemplos:

Penso che vadano al ristorante ogni sabato. (Pienso que van al restaurante cada sábado)

Non so se i miei amici facciano o meno un party per Capodanno. (No sé si mis amigos hacen una fiesta para Nochevieja)

Credi che Francesco stia ancora dal dentista? (¿Crees que Francesco todavía va al dentista?)

Non penso che in quel negozio diano qualcosa in omaggio. (No pienso que en aquella tienda den algo de regalo)

 

Ejemplo de verbo regular en -ERE:

LEGGERE

Che io legga

Che tu legga

Che lui/lei legga

Che noi leggiamo

Che voi leggiate

Che loro leggano

Ejemplo:

Penso che oggigiorno si legga sempre meno. (Pienso que hoy en día se lee cada vez menos)

Verbos irregulares en -ERE:

TENERE MANTENERE
Che io tenga

Che tu tenga

Che lui/lei tenga

Che noi teniamo

Che voi teniate

Che loro tengano

Che io mantenga

Che tu mantenga

Che lui/lei mantenga

Che noi manteniamo

Che voi manteniate

Che loro mantengano

N.B. ¡Los verbos que acaban en -NERE en el presente de subjuntivo (precisamente como en el presente indicativo) toman una g antes de las desinencias de las tres personas singulares y de la 3 persona plural!

Ejemplos:

Pensiamo che tu non tenga a noi. (Pensamos que no te importa de nosotros)

Credi che un bambino così piccolo si mantenga in piedi da solo? (¿Crees que un niño tan pequeño puede estar de pie por sí solo?)

 

Los verbos en -IRE tendencialmente regulares pueden concordar o con la conjugación del verbo «partire» o con aquella del verbo «finire«:

PARTIRE FINIRE
Che io parta

Che tu parta

Che lui/lei parta

Che noi partiamo

Che voi partiate

Che loro partano

Che io finisca

Che tu finisca

Che lui/lei finisca

Che noi finiamo

Che voi finiate

Che loro finiscano

¿No sabes cómo entender si un verbo sigue «partire» o «finire«? Mira nuestra video-clase sobre el presente del indicativo: ¡allí encontrarás un buen truco!

Ejemplos:

E’ possibile che Marta parta domani sera. (Es posible que Marta se vaya mañana por la tarde)

Pensiamo che la lezione finisca alle 17. (Pensamos que la clase acaba a las 17)

Verbos irregulares en -IRE:

USCIRE VENIRE DIRE
Che io esca

Che tu esca

Che lui/lei esca

Che noi usciamo

Che voi usciate

Che loro escano

Che io venga

Che tu venga

Che lui/lei venga

Che noi veniamo

Che voi veniate

Che loro vengano

Che io dica

Che tu dica

Che lui/lei dica

Che noi diciamo

Che voi diciate

Che loro dicano

Ejemplos:

È bene che tu non esca con questo freddo, potresti ammalarti! (Es mejor que no salgas con este frío, ¡pudieras ponerte enfermo!)

Credo che vengano anche Marco e suo fratello in gita con noi. (Creo que también Marco y su hermano vienen con nosotros en la excursión)

Voglio che dicano la verità! (¡Quiero que digan la verdad!)

 

LOS VERBOS MODALES

Finalmente, echamos un vistazo al subjuntivo presente de los verbos modales italianos:

DOVERE POTERE VOLERE SAPERE
Che io debba

Che tu debba

Che lui/lei debba

Che noi dobbiamo

Che voi dobbiate

Che loro debbano

Che io possa

Che tu possa

Che lui/lei possa

Che noi possiamo

Che voi possiate

Che loro possano

Che io voglia

Che tu voglia

Che lui/lei voglia

Che noi vogliamo

Che voi vogliate

Che loro vogliano

Che io sappia

Che tu sappia

Che lui/lei sappia

Che noi sappiamo

Che voi sappiate

Che loro sappiano

Ejemplos:

Credi che debbano fare una pausa? (¿Crees que tenemos que tomar un descanso?)

Non penso che possiate farlo. (No pienso que tenéis que hacerlo)

Non so se Federica voglia partecipare al progetto. (No sé si Federica quiere participar al proyecto)

Che voi sappiate, l’autobus è già passato? (Que vosotros supierais, ¿el autobús ya pasó?)

 

EL SUBJUNTIVO PASADO

El subjuntivo pasado se forma así:

Presente subjuntivo del auxiliar  (essere o avere)Participio del verbo

Ante todo, ¡vamos a ver el pasado subjuntivo de los dos auxiliares!

ESSERE AVERE
Che io sia stato/a

Che tu sia stato/a

Che lui/lei sia stato/a

Che noi siamo stati/e

Che voi siate stati/e

Che loro siano stati/e

Che io abbia avuto

Che tu abbia avuto

Che lui/lei abbia avuto

Che noi abbiamo avuto

Che voi abbiate avuto

Che loro abbiano avuto

Ejemplos:

Marco non è venuto: che sia stato trattenuto a lavoro? (Marco no ha venido: ¿puede ser que se quedó atrapado en el trabajo?

Marco non è venuto: che abbia avuto un imprevisto? (Marco no ha venido: ¿puede ser que haya tenido un imprevisto?)

 

¡ATENCIÓN! Siempre acuérdate que:

  • en italiano, cada auxiliar usa a sí mismo para formar los tiempos compuestos  (essere es auxiliar de essere, avere es auxiliar de avere)
  • cuando usas el auxiliar  «essere», ¡tienes que concordar el participio al género y número del sujeto!

Si buscas la explicación del participio, ¡mira nuestro video sobre el passato prossimo (pretérito perfecto) + participio passato!

 

Ejemplos de verbos en passato congiuntivo (pretérito perfecto de subjuntivo) (auxiliar «essere» vs auxiliar «avere»):

ANDARE FARE
Che io sia andato/a

Che tu sia andato/a

Che lui/lei sia andato/a

Che noi siamo andati/e

Che voi siate andati/e

Che loro siano andati/e

Che io abbia fatto

Che tu abbia fatto

Che lui/lei abbia fatto

Che noi abbiamo fatto

Che voi abbiate fatto

Che loro abbiano fatto

Ejemplos:

Non credo che lui sia andato a Roma. (No creo que él se ha ido a Roma)

Pensiamo che tu abbia fatto bene a trovare questo nuovo lavoro. (Creemos que has hecho bien a encontrar este nuevo trabajo)

 

¡Si quieres descubrir cómo se forman los tiempos imperfecto y trapassato congiuntivo (pluscuamperfecto de subjuntivo) mira nuestro video!

Además, ¡no te pierdas las lecciones sobre cuándo usar el subjuntivo y cuándo NO usarlo!

Aprende a usar de forma correcta los tiempos del subjuntivo (y indicativo), ¡no te pierdas nuestra clase sobre la consecutio temporum!

Vediamo se hai appreso i contenuti di questa lezione! Prova a fare gli esercizi!

Congiutivo presente ESSERE: che io
Congiuntivo presente AVERE: che noi
Congiuntivo presente TENERE: che lui
Congiuntivo presente ANDARE: che loro
Congiuntivo presente FARE: che voi
Congiuntivo presente MANTENERE: che lei  
Congiuntivo presente PARTIRE: che lui
Congiuntivo presente FINIRE: che io
Congiuntivo passato BERE: che voi
Congiuntivo passato VEDERE: che lui
Congiuntivo passato CAPIRE: che io
Congiuntivo passato ESSERE: che tu
Congiuntivo passato AVERE: che noi

 

Deja un comentario